06/2015 - Aggiornamento sito 2019 - Osservatorio Meteo Polifunzionale SMANIOTTO.EU

Next refresh in seconds
Vai ai contenuti

Menu principale:

I Temporali...è facile prevederli ??

Pubblicato da in Didattica ·
Tags: temporalithunderstormpioggiamodellimeteo

E' facile prevedere i Temporali ??

Domanda semplice dalla risposta altrettanto semplice... NO

Per la normale utenza una risposta del genere potrebbe essere forse sufficiente ma per gli appasionati come lo scrivente emagari per qualche professionista è sempre utile rinnovare le proprie conoscenze scientifiche.
Perche' NO ?
Semplice , in quanto seppur la meteorologia è un ramo delle scienze dell'atmosfera definita ESATTA il risultato puo' NON essere certo o quello atteso a causa di molteplici varianti che non siamo (e non saremo) in grado di quantificare e valutare anche a poche ore dall'evento a causa delle molteplici varianti.
I fattori in gioco sono tantissimi e ne basta uno che abbia un comportamento diverso , una VARIANTE diversa dalle attese ad invalidare totalmente la previsione.

LA CONDIZIONALE E' D'OBBLIGO.

Ora , dopo questa dovuta premessa torniamo alla risposta della domanda titolo di questo articolo.
Oggi ho letto alcuni commenti a dir poco sconvolgenti tra appassionati del settore in merito ai temporali osservando una cartina previsionale dei TEMPORALI fornita da meteogiornale.it (vedi esempio sotto raffigurato).



Alcuni di essi citavano :

".. se osservo il colore viola del CAPE ( (Convective Available Potential Energy) ovvero la quantità di energia disponibile necessaria per la formazione dei temporali ed essendo a fondo scala vuol dire che è sicuro che ci sara' un TEMPORALE . Se il fenomeno non avviene...la mappa è inutile..."

Inutile perdere tempo nel commentare la citazione ma meglio dedicarlo per far capire a tutti voi il significato della mappa esposta che raffigura un TSI.

Il TSI è un indice proprietario realizzato da MTG - MeteoGiornale che ha lo scopo di aiutare la previsione dei temporali.    

   Attraverso l'elaborazione congiunta di diversi parametri meteorologici che sono alla base della convezione, è stato realizzato un indice che misura la
possibilità che si sviluppi un temporale.

Le mappe del TSI, acronimo di ThunderStorm Index, sono disponibili tra quelle elaborate sulla base del modello MTG-LAM. Insieme al ThunderStorm Index si possono trovare anche le mappe di altri indici convettivi presi singolarmente, quali il CAPE, il CIN, il Lifted Index, il K-Index (o Whiting Index) e il Total-Totals Index.
Il CAPE (Convective Available Potential Energy) misura la quantità di energia disponibile per la convezione,
il CIN (Convective Inibition Index) misura invece un ostacolo alla convezione,
il Lifted, il K-Index e il Total-Totals sono indici di stabilità,

L'indice è numerico ma non misura una grandezza fisica, a valori via via più elevati corrisponde una maggiore predisposizione alla convezione e quindi allo sviluppo di temporali, potenzialmente intensi quando l'indice raggiunge valori molto elevati. Nei colori dal rosso verso il viola sono pertanto indicate le aree maggiormente a rischio temporali.
Le mappe non sono sufficienti a fornire la certezza dello sviluppo di un temporale, indicano soltanto un rischio di sviluppo di temporali, ma solo su una parte delle zone soggette a rischio si verificherà effettivamente il temporale

Lo stesso discorso vale con altre mappe (esempio PIOGGIA , VENTO,ecc) elaborate da fonti ed enti diversi. NON FORNISCONO CERTEZZE  ma bensi' indicano zone con MAGGIORE PROBABILITA' che l'evento si manifesti.

E' anche vero che noi appassionati ci appoggiamo tantissimo ad esse e tentiamo un'elaborazione personale che resti coerente con il grafico stesso o variando il risultato magari motivandolo con esperienze dirette o paragoni con altri modelli.

Non possiamo fare gli esperti . I veri professionisti sono coloro che hanno veramente un bagaglio di conoscenza nel / nei settori di argomentazione. E' pur vero che alcuni di loro esagerano a volte o hanno comportamenti non professionali....ma cio' non toglie il loro diritto autorizzato ad emettere previsioni in base alla loro conoscenza scientifica a noi appassionati poco conosciuta.

Concludo....il risultato della previsione è SEMPRE incerto anche a poche ore dall'evento...inclusi i modelli meteo.

Vediamo di non confondere la professionalita' con l'amatoriale...anche se hanno una cosa in comune.

LA PASSIONE per la meteorologia.

Un saluto a tutti Voi.

Marcello






Articoli recenti
Torna ai contenuti | Torna al menu